domenica 18 agosto 2019

PIEMONTE - Pian Bernardo una falesia per climbers tonici

Ci sto provando con "Mal di gamba" 6c+


Martedì scorso sono tornato su quella cengia da dove si domina una buona parte della Valle Tanaro, non ero più stato su questa bellissima balconata dal lontano giugno del 2008, quando il mio livello era un pochino più performante. Ero stato nella parte bassa della falesia nel luglio del 2010.

Francesco riesce su "Mal di GAmba"

Nel 2008 avevo salito "Tenetevela" 6b+ (adesso data 6c) AV e "Padri" 7b al secondo giro, questa volta invece mi ci sono voluti due tentativi per salire "Tenetevela", unica catena di giornata, ho provato a salire "Mal di gamba" 6c+ e una via senza nome di 7a+, che penso tutti facciano come riscaldamento. 
Papik sale "Pian" 8a

Ma come si dice:..."l'importante è partecipare e soprattutto divertirsi" e così è stato.
Facevano parte della cumpa, oltre alla Ci, anche Francesco che ha salito "Mal di gamba" 2GO, Mirco e il quasi local Papik che ha chiuso il suo progetto "Pian" 8a a detta di molti un tiro veramente hard.

Lollo Bogliacino prova il suo progetto
Nel tardo pomeriggio arriva anche Lorenzo Bogliacino per provare il suo progetto, in falesia abbiamo trovato anche i super locals Luigi Borge e Aleksandra Taistra anche loro impegnati in progetti molto hard, ed è cosi per tutti i climbers che frequentano questa bellissima falesia.
Un consiglio spassionato: " o salite lassù veramente tonici o evitatevi la sfacchinata", non è una falesia per tutti!

BUONA SCALATA A TUTTI!!!

domenica 11 agosto 2019

VALLÈE - Falesia di Noversch


La spettacolare falesia della Benedizione (pic by Gino Pittaluga)
Ieri giornata valdostana, siamo stati nella valle del Lys nella falesia di Noversch settore adatto a chi non ha la tenenza per scalare alla vicina Benedizione. Alla valle di Gressoney sono particolarmente legato da affetti ed amicizie e ci torno sempre volentieri. Ieri sono tornato a far visita a questa falesia dopo 12 anni dall’ultima volta sperando che qualcosa fosse cambiato con la frequentazione, ma purtroppo la roccia di questa falesia non potrà mai cambiare.
Gino Pittaluga su "L'urlo di Chan" 7a (pic by Cinzia Tenerini)
Le linee sarebbero anche belle e divertenti ma la roccia si sgretola sotto le mani ed in pochi punti è veramente salda. Peccato!
Francesco Paparella su "I vincenti che lavorano" 6c (pic Gino Pittaluga)

Abbiamo comunque passato una bellissima giornata, la campa era ben assortita. Ci sono state anche alcune performance da parte di Gino che ha salito “L’urlo di Chan7a 3Go e “Tramonti di luglio6c Av mentre Francesco ha salito L’urlo di Chan7a e "I vincenti che lavorano" 6c ambedue 2Go io ho dovuto accontentarmi di Tramonti di luglio6c 2Go, ma come dice la mia amica Raffa …"a Neversch bisogna arcuare la polvere".
Le ragazze non si sono divertite molto… !?
Gianluca Salvia su "Tramonti di luglio" 6c (pic by Gino Pittaluga)
Potete trovare tutte le indicazioni per la falesia sulla nuova guida della Vallée "Valle d'Aosta Sport Climbing" di Massimo Bal e Patrck Raspo.

BUONA SCALATA A TUTTI !!!


sabato 27 luglio 2019

PIETRO BIAGINI - Torna alla ribalta salendo Mecca 8b+ a Reven Tor

Il nostro Pietro in trasferta nel paese della Queen Elisabeth si rimette in gioco dopo un periodo si silenzio, salendo una delle vie più difficili e temute della falesia.
Pietro at work
 
Raven Tor, si trova nel Derbyshire Peack District. Una falesia che, negli anni '80 e nei primi anni '90, senza dubbio è stata una delle mete preferite dai Top-Climbers e per lunghi anni la parete ha ospitato le vie più difficili del Regno Unito.
Martin Atkinson e la sua "Mecca" 8b+ una delle più difficile al mondo in quel momento. In seguito Ben Moon con "Hubble" (il primo 8c+ al mondo nel 1990). E, infine, Jerry Moffat con "Evolution" nel 1995.
Alcuni la amano, altri la odiano, ma nessuno trova Raven Tor facile. Anzi, siccome si parte dal 7b, NON è assolutamente una falesia per tutti! 
Il tan-tan delle falesie dice che: ...se riesci a salire un tiro difficile a Raven, riuscirai a salire ovunque! 
Le vie sono estremamente tecniche, molto di dita ed estremamente intense, quindi vie esplosive e boulderose che non ti lasciano mai un attimo di respiro da quando stacchi i piedi da terra sino alla catena.
La falesia di Raven Tor

BENTORNATO PIE !!!

giovedì 25 luglio 2019

LORENZO BOGLIACINO - Nuovamente al Top

Ho incontrato Lorenzo circa 40 giorni fa nella nuova falesia CPR al rientro dopo uno stop di quasi sei mesi. 

Stava provando "Pollice opponibile" 8a, una delle creazioni di Matteo Gambaro, abbiamo scambiato quattro chiacchiere,  ed il giovane si lamentava, come tutti climbers al rientro da una lunga pausa, della poca tenenza.
Conoscendo la bravure e la determinazione del soggetto, mi sono permesso di dirgli: "...sono sicuro che nel giro di un mese sarai nuovamente al top!".
Ed infatti i risultati hanno confermato le mie previsioni, dopo quattro giorni dal nostro incontro chiude il suo progetto nella falesia di CPR, la settimana successiva è già nella Céuse piemontese di Pianbernardo dove trita in una quindicina di giorni (lavoro e meteo permettendo) sei vie di grado 8 tra cui un 8b "Mai più" ed un 8b+ " Pinot della rocca".
Poi la trasferta a Ceillac nella falesia de La Saume dove ha confermato il suo ritorno al Top salendo: "A fleur de peau" 8b+ e "M'enfin" 8c.

BRAVO LORE
 A PRESTO PER IL TUO PRIMO 8C+ !!!


lunedì 15 luglio 2019

AIRALE - Una falesia fresca e accogliente



Tommy Pansini su "Dita autoctone" 7b

Sabato scorso siamo stati nuovamente ad Airale, anche se la mission iniziale era andare a Simplondorf, poi per un pasticcio combinato dal sottoscritto abbiamo cambiato obbiettivo.
Ma possiamo dire che forse è stato meglio così per tutti, in particolare per Tommy e Gianluca che hanno messo nel sacchetto alcune performance.

Gianluca Salvia su "Sara" 6c+
Gianluca ha salito la difficile placca di "Sara" 6c+ 2Go, dimostrando un buon uso dei piedi e di sape strizzare le piccole tacche, altra storia dove la parete supera la verticale.
Ma il vero protagonista dell'intero fine settimana è stato Tommaso Pansini, un vero killer anche se ancora un pochino ingenuo e ansioso di chiudere i tiri.

Tommy Pansini su "Bricolage" 7b/+
Ad Airale ha salito "Peccati di gioventù" 7a AV e "Dita autoctone" 7b 3Go, la mattina del giorno seguente nella valle di Champorcher alla falesia di Echely ha salito "Bricolage" 7b/+ Flash, nel pomeriggio con un rapido spostamento (Pans è sempre rapidissimo in macchina) alla falesia Magmatica di Montjovet, dove aveva un conto lasciato in sospeso la settimana precedente, ha chiuso "Meraviglia" 7c e "Sparta" 7b AV.

Alessando "Pans" Pansini ci prova su "Peccati di gioventù" 7a
Anche il vecchio Pans aveva un conto in sospeso ad Airale, ma è stato respinto ancora una volta nonostante sia nuovamente entrato in possesso del decimo dito.

UN GARN BEL FINE SETTIMANA !!!

mercoledì 10 luglio 2019

VALLÈE - Magamatica una falesia esigente

Cristina Chanpux su "Spritz" 6b
Il fine settimana siamo stati invitati dai nostri amici Filippo e Cristina nella valle di Champorcher a goderci un po' di fresco e per partecipare alla prima edizione della GNP-Tour-Run-2019 in occasione della Festa del Pane Nero di Chardonney che si correva il sabato.
La domenica abbiamo approfittato per andare a fare visita alla nuova falesia sorta nei pressi della borgata di Gettaz, dove esiste un'altra falesia storica già documentata su questo Blog.
La nuova falesia si trova circa un km prima della vecchia, appena arrivati dove la strada incomincia a spianare, dopo una serie interminabile di tornanti, sulla destra c'è uno slargo (posto per 3 macchine), in corrispondenza di questo, sulla sinistra, incomincia una sterrata che conduce ad una stalla, sorvegliata da tre cani che abbaiano tanto ma non mordono e comunque sono legati.
Salire la sterrata, ricordando che si sta passando in casa d'altri, ed in tre minuti ci si trova alla base della parete inferiore.
La falesia è infatti divisa in due settori principali più in paio di torrioni 60/70 m.  alla sinistra del settore inferiore.
Le pareti, in questa stagione vanno all'ombra alle 14:00, il posto è abbastanza ventilato e la scalata è abbastanza esigente ma ci sono tiri per tutti Big e No-Big.
Tommaso Pansini su "Meraviglia" 7c
Il primo settore, quello basso, presenta 16 tiri.
da sx a dx altezza 18/22 m.:
1_ Selvaggina (massso di sx) 7b+
2_ Ginger (masso di dx) 6c
3_ Grippa 6a
4_ Cricca 6a
5_ Maestro 6a+
6_ Mosaico 7a
7_ Natura 6b+
8_ Sparta 7b
9_ Meraviglia 7c
10_ Baylis 5c
11_ Intrusiva 6a
12_ Ma dove vai 7a
13_ Spritz 6b
14_ delizia 6c
15_ bouldering 6c
16_ Gerenpé 6b
Filippo Laurora su "Spritz" 6b
Il settore alto, presenta 10 tiri, raggiungibile con una traccia di sentiero che parte a sinistra della via Baylis o salendo da una delle vie della parte inferiore (la base delle vie non è comoda, si sta attaccati ad una corda fissa).
da sx a dx altezza 20/27 m.:
17_ Vipera 5c
18_ La tana 6a+
19_ Intuito (L.1 6a - L.2 6b+)
20_ Buon viaggio 6c
21_ La perla 7b
22_Trip 7c
23_ Joker 7b+
24_ Panoramix 7b+
25_ 4x4 8a
26_ Fukayna 7c+



BUONA SCALA A TUTTI !!!

lunedì 1 luglio 2019

VALLÈE - fuga in cerca di fresco




Ci siamo rivolti verso "La Mecca" sperando di riuscire a trovare una soluzione a questo caldo africano che sta imperversando da giorni.

La Mecca

La falesia si trova in Valgrisenche sul sentiero per il Miollet, l'avvicinamento è brevissimo come gia descritto in un post precedente (link) dove trovate tutte le indicazioni ed i gradi delle vie.
E' stata aggiunta una via lo scorso settembre, la prima a dx dell'ampio camino grado proposto 6c.

Pans su nuovo tiro di 6c

Mentre viaggiavamo consultavamo il termometro dell'auto e pensavamo di non avere nessuna speranza di scalare, ma quando siamo arrivati e siamo scesi dall'auto ci siamo subito resi conto della sostanziale differenza di temperatura ed umidità.

Un Mirco acrobatico supera il tetto di 6c

Abituati alla caldazza ed alla sugna di questi giorni ci sembrava di essere in paradiso, anche se la temperatura nel pomeriggio è salita sopra i 25°C, arrampicando all'ombra e con un po' di venticello si stava da meravigliosamente bene.

il sottoscritto apre le danze moschettonando il nuovo 6c


UNA BELLA GIORNATA !!!

martedì 18 giugno 2019

FINALE - La falesia del Panda

Così si chiama l'ultimo settore chiodato da  Giorgio DELFINO, ultimato alla fine di maggio è ora fruibile a tutti.

Il settore è rivolto ad Est, ci sono 12 vie dal 5b al 6c (con qualche grado ancora da confermare), la lunghezza varia da 10 a 17 metri, il grado predominante è il 6a.
Peccato che un paio di vie portino il nome di vie storiche già esistenti.
Si può raggiungere il settore passando sotto "Troppa" continuando poi sotto la falesia, oppure seguendo il sentiero come descritto da Delfino.
Avvicinamento consigliato dal chiodatore
BUONA SCALATA A TUTTI !!!

martedì 28 maggio 2019

VALPENNAVAIRE - Inaugurazioe della falesia CPR



Elena Chiappa in azione (foto Federico Rimembrana)
Nella Valley del ponente ligure, la oramai internazionale Val Pennavaire, nascono sempre nuovi cantieri e nuove falesie prendono vita.
L'antro principale della falesia CPR (foto Alessio Chiappino)
La falesia “CPR”, ultima nata ad opera della collaborazione tra lo store di riferimento in Cisano sul Neva CPR-FREE-SPORT e l’instancabile cercatore di linee di alto livello MATTEO GAMBARO.
La settimana scorsa sono stato a far visita a questo nuovo settore che va ad arricchire le ormai conosciutissime falesie della Valley, un settore con più di 40 nuovissime linee dove ci si può sbizzarrire tra placche, muri verticali e strapiomboni céüsiani.
Ci sono tiri per tutti i gusti ed i gradi vanno dal 4c all’8c e oltre.
Domenica prossima 2 GIUGNO ci sarà l’inaugurazione ufficiale dove siamo tutti invitati a partecipare.
Matteo Gambaro su una delle sue creazioni (foto Alessio Chiappino)
In falesia verrà allestito un rinfresco di benvenuto con cibi e bevande offerti dagli esercenti della valle.

Inoltre sarà possibile provare nuovi materiali: 
- Climbing Tecnology  (Rinvii CT e Rinvii CT by CPR; Click Up)
- Beal (Corde e Imbrachi)
- La Sportiva (Paython new; Skwama new; Testa rossa new)
I muri della parte sinistra della falesia (foto Alessio Chiappino)
Sarà possibile accedere alla falesia dalla mattina di domenica, mentre le informazioni per raggiungere il settore ed i gadget, (maglietta con le vie della falesia e stick di magnesite Beal, omaggio per i primi 60 che aderiranno all’iniziativa), saranno reperibili dalle 16:30 di sabato presso il negozio CPRFreeSport.



BUONA SCALATA A TUTTI !!!

lunedì 20 maggio 2019

GRANDE CAMI A MONACO





GRANDE! GRANDE! GRANDE!




Cami sul primo boulder (ph. René Oberkirch)


































Non ci sono altri appellativi più sinceri per la campionessa genovese Camilla MORONI che ieri a Monaco di Baviera ha conquistato l'ottavo posto nella semifinale della massima categoria di Boulder IFSC WORLD CUP SERIES, lottando come una leonessa.



Cami sul terzo Boulder (Ph. SiolNet)

Un risultato di tutto rispetto visto che è solo la seconda volta che Cami partecipa ad una gara di Coppa del Mondo.





.

mercoledì 1 maggio 2019

CAMAIORESE - Davide Carena affascina la Toscana



Durante il lungo ponte pasquale il nostro Smarcacatene ligure, in trasferta in terra toscana ha affascinato in climbers presenti nelle falesie di San Roccino e Grotta all'ombra, macinando tiro dopo tiro come un Caterpillar, solo tiri di alto livello saliti in un batter d'occhio.

Ecco il carnet:
25 aprile "No comment" 8a AV a San Rocchino
26 aprile "Hai sentito che aria tira" 8a 2Go Grotta all'ombra
27 aprile "Obi One Kenobi" 8b+ 2Go San Rocchino
28 aprile "La quiete" 8b San Rocchino



DAVIDINO GO GO GOOOO!!!!

venerdì 26 aprile 2019

SARDEGNA - carrellata foto del Supramonte

Continua la vacanza con tanti amici nella selvaggia Sardegna, di seguito un carrellata di foto di questi fantastici posti:












lunedì 8 aprile 2019

CAMILLA MORONI - prima itaiana in Coppa del Mondo

Cami in action a Meiringen

SVIZZERA- Lo scorso we c'è stata la prima tappa della Coppa del Mondo Boulder a Meiringen, e la nostra Camilla Moroni si è aggiudicata il 23mo posto, prima delle italiane. 
Non male per essere la prima esperienza in Coppa del Mondo.
GRANDISSIMA CAMI!!!


giovedì 28 marzo 2019

FINALE - VALLE DI RIAN CORNEI (Placconata Centrale e Camelot)

Nelle ultime due settimane il vento l'ha fatta da padrone, tenendo quasi sempre lontane le nuvole, ma portando sempre quel fresco noioso che non ti fa mai decidere se scalare al sole o all'ombra.
Noi diversamentegiovani cerchiamo sempre di portare le ossa al sole o dove il vento non da particolare disturbo.
Il lato sinistro orografico della Valle Cornei ha quasi tutte le falesie al riparo dal vento, tra queste la Placconata Principale e Camelot due falesie storiche chiodate principalmente dai mitici Cravasards negli anni '80.
Non avevo più arrampicato alla Placconata dopo che era stato fatto il restyling (anche se avevo scritto in merito un post nel 2013), ci sono ritornato qualche giorno fa e mi sono perso nel dedalo di vie nuove e vecchie che si incrociavano un po' ovunque, forse una chiodatura troppo sequenziale che ha stravolto a volte la logicità delle vecchie e storiche vie.

Alessio su "Lo sai ehhh..." 6a+ (photo Cinzia Tenerini)

Bibo su "Ad ovest di Paperino" 6c+
Ieri ancora il vento da nord ed il cielo parzialmente velato del mattino ci ha portati alla falesia di Camelot2, anche questa falesia è stata chiodata negli anni '80 dai Cravasards ed anche questa ha finalmente avuto il suo restyling nel 2015 ad opera di collaborazioni tra varie associazioni di volenterosi climbers (Finale Ligure, nuova vita per Camelot).
Il sole è arrivato verso le 11 ed il vento che ogni tanto si faceva sentire non ha dato fastidio, anzi è stato piacevole scalare con la schiena al sole su queste bellissime vie, mentre la brezza mitigava la calura e manteneva un'ottima aderenza.


Alessio su "Trazione fatale" 6c+ (photo Gino Pittaluga)
Gino Pittaluga su "Halloween" 6c

Alessandro Pansini su "Muy Pamplona" 6b

Bibo su "Muy Pamplona" 6b con i guanti per evitare la roccia aggressiva
Comunque, in ambedue le falesie, troviamo una roccia ed una scalata di altri tempi che regala sempre sensazioni ed emozioni straordinarie!

Unico neo sono le soste, fatte con i fittoni sfalsati ed una falsa maglia come anello di calata su di un solo fittone.

Secondo il mio modesto punto di vista, questo tipo di sosta non dovrebbe più esistere in falesia perché è potenzialmente pericolosa specialmente per un climber poco avvezzo alle manovre in sosta, quante volte ho visto gente slegarsi alla sosta assicurati su un solo punto perché non si riesce a far passare la corda doppiata nell'occhiello dei fittoni.
La falsa maglia è sconsigliata perché a differenza dell'anello si consuma sempre nello stesso posto e lo sfregamento della corda a volte può allentare il dado di chiusura.
E poi le soste con i fittoni sfalsati rovinano le corde attorcigliandole e rendendole ingestibili.
Mi domando sempre perché si chiodano le vie con fittoni a prova di bomba e poi si fanno delle soste così brutte (per non usare altri termini più schietti)!
SOSTA OMOLOGATA

BUONA SCALATA A TUTTI !!!