giovedì 27 dicembre 2018

DIVIETO DI SCALATA

Si sta avvicinando il capodanno, che oltre ad essere una festa segna anche l'inizio dei divieti temporanei di scalata nelle aree tutelate per la modificazione.
Di seguito un promemoria pace può risultare è molto utile:

Tutela delle pareti rocciose e disciplina dell'attività di arrampicata
Per coloro che non ne fossero a conoscenza, negli anni '90 è stato siglato un accordo tra tutte le parti coinvolte per regolamentare e disciplinare l'arrampicata nelle aree di nidificazione dei rapaci. Questo accordo, divenuto poi Legge Provinciale e Regionale nel 1994, prevede il divieto di arrampicamento in aree rappresentanti essere il luogo preferito da numerose specie protette, che scelgono il Finalese per il loro ciclo riproduttivo.
Il divieto temporaneo si riferisce ad un arco temporale che va dal 1° Gennaio al 31 Luglio di ogni anno.
Per tanto, a seguito di quanto appena citato, invitiamo gli appassionati a rispettare le leggi vigenti e rispettare in ogni modo possibile il nostro amato territorio. Nel nostro piccolo cercheremo di contribuire al rispetto di tali norme elencando i settori permanentemente o temporaneamente interdetti all'arrampicata nel comprensorio Finalese.
Ringraziamo Pierpaolo Pessano per l'aiuto ed il materiale fotografico fornitoci.
Qui di seguito elencheremo i settori permanentemente o temporaneamente interdetti all'arrampicata nel comprensorio Finalese (L.R. 29/94 art. 11).

FALESIA DI CAPO NOLI
- Divieto PERMANENTE di arrampicata sulle pareti sovrastanti la via Aurelia da Punta Crena a Capo Noli comprese nei Comuni di Noli e Finale Ligure. 

LATO SINISTRO OROGRAFICO VALLE SCIUSA
- Divieto PERMANENTE di arrampicata da Rocca di Corno, settore Ovest, via di arrampicata "il futuro è un'ipotesi" esclusa a Rocca degli Uccelli, via di arrampicata "cresta degli uccelli" esclusa. La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure.
- Divieto TEMPORANEO di arrampicata dal 1 gennaio al 31 luglio della Rocca degli Uccelli dalla via di arrampicata "cresta degli uccelli" inclusa, per tutto lo sviluppo della falesia verso Nord. La zona è compresa nei Comuni di Finale Ligure e Vezzi Portio. 

BASTIONATA DI BORAGNI
- Divieto TEMPORANEO di arrampicata dal 1 gennaio al 31 luglio nei settori destro e centrale. La zona è compresa nel Comune di Orco Feglino.

LATO DESTRO OROGRAFICO VALLE SCIUSA
- Divieto PERMANENTE di arrampicata sulle falesie sovrastanti la strada statale della valle Sciusa dal settore "Casa del Vacchè", via di arrampicata "Peter Pan" esclusa al settore "Dimenticatoio", via di arrampicata "Mantide" esclusa. La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure. 

BRIC RESEGHE
- Divieto TEMPORANEO di arrampicata dal 1 gennaio al 31 luglio sulle falesie sovrastanti la strada statale della valle Sciusa, per tutto lo sviluppo delle propaggini rocciose lungo il settore Est. La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure. 

MONTE TOLLA 
- Divieto TEMPORANEO di arrampicata dal 1 gennaio al 31 luglio nel settore Sud, dal bastione sovrastante la chiesa di S. Cipriano per tutto lo sviluppo della falesia in direzione di S. Bernardino. La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure. 

BRIC PIANARELLA
- Divieto PERMANENTE di arrampicata nel settore centrale, via di arrampicata "variante destra" esclusa, settore "i missili" escluso, verso Sud per tutto lo sviluppo della falesia del Bric Pianarella e per la falesia adiacente in direzione Sud, Bric Ercea. La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure. 

ARMA DELLE MANIE
- Divieto PERMANENTE di arrampicata lungo tutto lo sviluppo della "grotta delle fate". La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure. 

ROCCA ORERA
Divieto PERMANENTE di arrampicata dal bastione in corrispondenza del ripetitore a sinistra del sentiero proveniente da Finalborgo, per tutto lo sviluppo delle rocce fino a mare in corrispondenza di Monte Caprazoppa. La zona è compresa nel Comune di Finale Ligure.



domenica 16 dicembre 2018

VALPENNAVAIRE - un altro 8c per Davide


È proprio così, a solo una settimana di distanza dal suo secondo 8c, Davide Carena sale la sua terza linea di questo grado.
Ieri nella falesia di Euskal ha salito "Resistencia mecanica" 8c facendo così la quarta ripetizione del tiro chiodato e liberato da Matteo Gambaro nel marzo 2017.
A fine giornata, per defaticare, ha salito "Escalar Fanàticos" 8a AV.

Non so più che aggettivi usare per definire questo atleta.

mercoledì 12 dicembre 2018

PERSONAGGI - Tra Top-climber giovanissimi ed ultrasettantenne alla ribalta

Una cosa è certa, nel mondo dell'arrampicata le disuguaglianze non esistono. Quando ci ritroviamo alla base di una falesia ci integriamo in questa dimensione che ci porta tutti sullo stesso piano sociale, siamo tutti climber con una sola passione: LA SCIMMIA DELLA SCALATA!
Questa passione che ci accomuna brucia dentro di noi dal primo momento che abbiamo accarezzato la rugosità di una roccia, e continuiamo a ritrovarci li con il naso rivolto in su ogni volta che ci ritroviamo davanti una parete od un semplice masso.


Davide Carena su "Premiere" 8c (Foto Mauro Carena)
DAVIDE CARENA: Sabato scorso nella falesia di Castelbianco il giovane Top-Climber sale il suo secondo 8c "Premiere".
Solo tre anni fa a Buoux saliva "Reve de papillon" il suo primo 8a.


Lorenzo durante gli open di FFN
LORENZO BOGLIACINO: durante l'ultimo fine settimana nella falesia di Tanarello ha salito il suo 62 tiro di grado 8 dell'anno 2018.

Wafaa Amer su "Hyaena" 8b/+ (foto Andrea Gallo)
WAFAA AMER: lunedì scorso ha salito la storica "Hyaena" 8b/+ nella falesia dell'Alveare a Montesordo.
Aggiudicandosi la seconda salita femminile della via storica per eccellenza salita per la prima volta da Andrea Gallo nel dicembre del 1986.

Bruno appena sceso dalla sua ultima performance (foto Ermanno Sanetti)
BRUNO MAGIONCALDA: ieri nella falesia del Frantoio in Val Pennavaire ha salito "Taggiasca" 7b, con i suoi 75 anni è il più anziano performer genovese.
 TUTTI GIU' IL CAPPELLO PER BRUNIN!!!

lunedì 3 dicembre 2018

ROCPENNAVAIRE - La Festa e le news

> LA FESTA

E' ufficiale sabato prossimo a Cisano sul Neva si terrà l'ormai classico appuntamento per la 
FESTA dell'A.S.D. ROC PENNAVAIRE
siete tutti invitati!!!


>LE NEWS


Euskal prima del restyling
La falesia di Euskal è stata completamente rivisitata dall'Associazioine ed è stata messa tutta in sicurezza con un nuovo look anche per le chiodature, specialmente nei primi metri dove poteva risultare pericolosa un'eventuale caduta.
Euskal dopo il restyling
La base è stata completamente ripulita, ed è saltato fuori delle bellissime terrazze coltivate ad olivi.
Sono state aggiunte anche due nuove vie: quella a destra di "Desplumada" si chiama "La Malalece" grado proposto 7c, la seconda è ancora un progetto.

Euskal vista dall'alto
BUONA SCALATA A TUTTI !!!

martedì 27 novembre 2018

ATTENTI AI LADRI

I nostri lettori ci hanno segnalato furti con rottura di finestrini e forzatura di serrature nei parcheggi di Rocca di Perti lato autostrada.
Non lasciate niente in macchina che possa attirare l'attenzione.
Ricominceremo a fare le ronde, e se li becchiamo... 🔨🔨🔨

Fate circolare raga!

martedì 20 novembre 2018

FINALE - Ombre Blu 40 nuove linee

Romano su "Resol Riama" 6c
Le Guide Blumountain di Finale Ligure, Lorenzo CAVANNA e Elisabetta CASERINI, hanno ultimato i lavori di restyling e chiodatura del settore alto di Ombre Blu regalandoci un nuovo parco giochi per la stagione invernale, chiodato a regola d'arte.
Gino Pittaluga su "Surf/Ace" 6c
Il settore è raggiungibile percorrendo una simpatica ferrata che si trova all'estrema sinistra del settore basso, già pubblicato lo scorso anno su questo blog.
I due settori comprendono un totale di 49 lunghezze di corda, di cui 40 inediti, il settore basso come già citato in precedenza è un settore prevalentemente No.Big, mentre quello alto è un pochino più esigente sia nella difficoltà che nella chiodatura.
Il sottoscritto sul bellissimo muro di "Resol Riama"
Il settore alto è su una cengia esposta al sole da metà mattinata al tramonto, le nuove vie in alcuni punti presentano una roccia ancora un po' "croccante", quindi si raccomanda di prestare attenzione specialmente nelle giornate molto affollate ricordando che al piano di sotto ci possono essere altri climbers.
Non rimane che augurarvi buona scalata a tutti indicandovi il link dove ho messo i PDF delle topo dei settori OMBRE BLU Alto e Basso gentilmente messe a disposizione da Lorenzo e Betty.
(Ho messo a disposizione i PDF, ma se qualche furbetto continua a pasticciarli li tolgo definitivamente)

Paolo Ramò su "Fiele" L1 6c/+
p.s. - domenica scorsa Paolo Ramò ha fatto la F.A. della prima lunghezza di "Fiele" grado proposto 6c/+

sabato 10 novembre 2018

GIOVANNI MASSARI - Finale secondo me

Consiglio, a chi non ha ancora avuto occasione di leggerli, questi due racconti di Giovannino pubblicati su Planetmountain.
Racchiudono l'essenza dei mitici anni '80, la filosofia che in quegli anni ha coinvolto tanti giovani di allora, come il sottoscritto, nel Circo dell'arrampicata libera alla ricerca del proprio io, dei propri limiti interiori e di una strada da percorrere.

…"Il mio incontro con la Pietra di Finale coincide quasi esattamente con la nascita di quel percorso prima passionale e poi di amore profondo che, attraverso una strada spesso tormentata da eventi positivi ma anche negativi, mi ha portato ad esplorare a fondo me stesso, chi sono e dove posso e dove voglio andare."


Giovanni Massari in free solo sul chiave di Schifinix a Finale
Fotografia di A. Motta

…"Al termine delle mie tante giornate di arrampicata a Finale ero solito abbandonare gli amici e salire qualche via da solo. Proprio in uno di quei giorni come tanti pensai di scalare l’Arco e in quella magica e rosata luce dei tramonti invernali che caratterizza le rocce finalesi, salii leggero senza sforzo, mentre l’ombra saliva sotto i miei piedi ed i sole accompagnava però ancora i miei passi, quasi volesse ancora, come un morbido e leggerissimo scialle di cachemire, darmi la sua gentile carezza; stringevo tra le dita, quasi accarezzandole, le gocce ruvide e proprio alla fine dell’Arco, quando esso compie il suo ultimo disegno verso destra, mi girai verso quella luce tiepida quasi a farle percepire che sentivo la sua presenza e avevo capito le sue benevole intenzioni."

https://www.planetmountain.com/it/notizie/arrampicata/storie-arrampicata-finale-per-me-giovanni-massari-prima-parte.html

https://www.planetmountain.com/it/notizie/arrampicata/storie-arrampicata-finale-per-me-giovanni-massari-seconda-parte.html

giovedì 8 novembre 2018

INAUGURAZIONE DELLA PALESTRA DI ARRAMPICATA




Data di apertura: 10 Novembre 2018
Si festeggerà il giorno dell'inaugurazione con un boulder contest che darà l'avvio alle attività della nuova sala di arrampicata cuneese.

mercoledì 7 novembre 2018

THE DOWN WALL


Ho avuto la fortuna di trovarmi al San Vito Climbing Festival dove è stato proiettato in anteprima nazionale il film "THE DAWN WALL", adesso uscirà nelle sale italiane solo per tre giorni.
Un consiglio spassionato: NON PERDETEVELO!!!

I biglietti sono disponibili sul sito www.ucicinemas.it

mercoledì 24 ottobre 2018

ROC PENNAVAIRE News



 ATTENZIONE
VISTE LE AVVERSE CONDIZIONI METEO
LA FESTA È STATA SPOSTATA 
A sabato 8 DICEMBRE
alle ore 17 presso la Sala Gollo a Cisano sul Neva si terrà la quinta edizione della festa dell'Assocuazione ROC PENNAVAIRE.


Cibo birra e premi per tutti.

martedì 9 ottobre 2018

30 anni di Gavi

"Era l'estate del 1988 e per caso sentii parlare di una nuova falesia dietro il forte di Gavi.
Come sempre trascorrevo l'estate al mio paesello in bassopiemonte che dista solo 15 Km dalla falesia, e siccome la scimmia mi era già entrata dentro da tempo, in compagnia Mirco, fido compare di quei tempi, incominciammo a frequentarla assiduamente, trascorrendo li tante serate dopo il lavoro, fino a quando il buio ci costringeva a tornare a casa."
DOMENICA 14 OTTOBRE SIETE TUTTI INVITATI A PARTECIPARE ALL'EVENTO CHE SI TERRÀ' IN FALESIA PER FESTEGGIARNE IL TRENTENNALE.




martedì 25 settembre 2018

domenica 23 settembre 2018

Vallée - Falesia di Echely a Champorcher

Siamo tornati come ogni estate a fare qualche giorno di vacanza nell'amata valle di Champorcher, con gli amici Filippo e Mauro siamo andati nella falesia di Echely per fare qualche foto sui nuovi progetti chiodati ultimamente dall'instancabile Filippo.
La falesia di Echely
Come sempre per trovo particolarmente difficile riuscire ad acchiappare qualche catena, escludendo i tiri più facili.
Eccetto un paio di linee su roccia appoggiata, l'arrampicata è particolarmente esigente su un muro che strapiomba quasi di 30° dove bisogna chiudere basso ed avere tanta power nelle braccia, non fa più per me.
Filippo Laurora su "L'ho duro duro" project
Rimango però sempre ammirato nel guardare gli amici che scalano sui tiri più duri.
La falesia è piccola ma molto accogliente, si raggiunge in 3 minuti dal parcheggio ed è all'ombra dalla mattina fino a tardo pomeriggio, una chicca della valle di Champo.

Mauro Zoppo su "Passion Fruit" project

Ecco l'elenco delle vie da destra a sinistra:
1 . Pranayama 6b+
2 . La regina delle placche 6a
3 . Occhi di gatto 6a
4 . Il dominio di se 8a+
5 . Enfant prodige 7c+/8a
6 . Passion fruit project
7 . L'ho duro duro project (connessione tra le tre vie precedenti partenza su Passion Fruit)
8 . Portatrici di sale 7b+/7c
9 . Bricolage 7b/+
10 . La libellula 7a+
11 . Tutti fenomeni 6b
12 . Tutti libellule 6b+ (connessione tra le tre vie precedenti partenza su Tutti Fenomeni)
13 . Anno zero 6a+




lunedì 10 settembre 2018

SARDEGNA - Sette anni di solitudine (Punta Giradili)

Finalmente ho realizzato uno dei sogni nel cassetto che coltivavo da tanto tempo.
Punta Giradili vista dal mare
"7 anni di solitudine" percorre il profilo centrale tra sole e ombra






































Durante l’ultima vacanza in questa terra selvaggia e affascinante, gentilmente ospitato dal superlocal Alessandro Pansini (Pans), ho colto l’occasione per fare una delle più belle vie di Punta Giradili: “Sette anni di solitudine6c+ (6b+ obb.).
Chiacchierando davanti ad una birra fresca, pane guttiau e pecorino, Pans mi accenna che a giorni sarebbe arrivata la Ramó-family e che a Paolo piacerebbe salire una via lunga sulla mitica parete di Baunei.
Schema della via





































Mi faccio prestare un paio di scarpette più grandi dal Pans, io non ho portato scarpe comode, non avevo previsto di fare vie multi-pich.
Dopo averne provate qualcuna troviamo le scarpe giuste, un paio di wildclimb Pantera 2.0, ed eccomi pronto per l'avventura.
Sveglia alle 5:30, veloce colazione e si parte, con noi ci sono anche Betta e Anna che ci accompagneranno sin sotto la parete per poi continuare la camminata sul sentiero alla volta di Pedra Longa e Santa Maria Navarrese.
Paolo parte per il primo tiro di 7a





































Paolo scalpita e aggredisce il primo tiro, che ha un boulder iniziale che ammazza le dita, sbuffa un po’ ma sale in libera, io e Pans mungiamo senza ritegno il secondo spit per raggiungere la tacca risolutiva, una bella sveglia!
Pans sul terzo tiro diedro di 6b+
I due tiri successivi si rivelano sempre molto impegnativi, quasi come districare le corde aggrovigliate con il kevlar del saccone da recupero (forse una scelta non proprio azzeccata per una cordata a tre).
Appesi come salami ad essiccare
Lasciamo sempre il comando della cordata a Paolo, perché è sicuramente il più accreditato a tirare questa via in libera, ma anche perché provare a scambiarci le corde già incasinate appesi nel vuoto, (la maggior parte delle soste si fanno appesi all’imbraco), rischiamo di aggrovigliarle ulteriormente e rallentare ulteriormente la salita.
Settimo tiro, diedro strapiombante di 40 m.
UNA MAZZATA!






































Il settimo tiro, un diedro di quasi 40 metri leggermente strapiombante, impegna a fondo Paolo e sfinisce Pans ed il sottoscritto, ma ci sono ancora 6 tiri su muri verticali a goccette e pinzatine che mettono a dura prova polpastrelli e piedi.
A cinque tiri dalla cima arriva il sole (che bello!), ma la via ed il contesto sono così belli che subiamo in silenzio lo spolparsi dei polpastrelli e lo stivaletto cinese sui piedi.
Una comoda sosta (basta che te lo credi!)





































Prima dell’ultimo tiro chiamo la Ci in videochiamata per condividere anche con lei la fantastica vista che si gode di lassù (magia tecnologica), poi mi carico il sacco da recupero sulle spalle e salgo sotto il sole pregustando l’acqua fresca che berrò arrivato in cima.
L'agognata vetta





































Ma ahimè, arrivati in vetta Paolo ci dice che nel sacco non ha trovato la sua bottiglia, che probabilmente si è scordato di mettere nel saccone e la bottiglia da due litri  mia e di Pans è finita, AZZ!!!
Un po’ abbacchiati e con la gola secca ci avviamo sulla cresta alla volta dell’ovile dove abbiamo parcheggiato la macchina.
Dopo 40 minuti di salti, fra le lame di roccia formate dal fenomeno carsico, alla ricerca degli ometti che indicano la traccia, raggiungiamo l’ovile.
Stanchi, assetati ma felicissimi





































Aperta la macchina Pans ha afferrato la prima bottiglia pensando fosse quella dimenticata da Paolo e tracanna avido una bella sorsata, peccato che era acqua di mare raccolta dalla bambina e dimenticata nel bagagliaio (😲😳🤮).
Cerchiamo la bottiglia buona ma in auto non c’è.
Ma che come per magia spunta dal sacco da recupero, dove Paolo l’aveva messa al mattino ma non l’aveva poi trovata nel momento del bisogno, perché confusa tra il materiale.
Ci ridiamo sopra, beviamo e poi ci avviamo verso casa dove ci attende una sana birra ghiacciata.
Che bella salita !!!
Un sincero grazie a Paolo e Sandro per avermi permesso di con loro questa bellissima linea e per la bella giornata.

SETTE ANNI DI SOLITUDINE
Difficoltà: 6c+/7a (6b+ obbligatorio)
Esposizione: Sud-Ovest
Sviluppo arrampicata: 390m, 13 tiri
Materiale: 12 rinvii, due corde da 60m
Prima salita: Manilo Motto e Michel Piola 1995/2002, dal basso
Via stupenda che si sviluppa sull'impressionante parete di Punta Giradili su placche e diedri di ottimo calcare a gocce. Nonostante spittatura e passaggi obbligatori non particolarmente stressanti, il fatto che sia la via più lunga della parete e che sia molto continua la rende una via da non sottovalutare.
Avvicinamento:
Da Baunei salire in direzione Golgo, da quando la strada inizia a scendere prendere la strada sterrata sulla destra all'altezza del primo tornante. Arrivati ad una vasca tenersi sulla destra e a un bivio ancora a destra (NON seguire le indicazioni per l’ovile: è quello sbagliato) proseguire per qualche chilometro su sterrato fino all’Ovile Us Piggius, dove si parcheggia.
Prendere quindi il sentiero Selvaggio Blu che all'altezza delle ultime costruzioni dell’ovile punta verso Pedralonga.
Dopo circa 30 min di cammino su uno splendido sentiero panoramico sulla cengia della Punta Giradili si raggiunge l’attacco della via all'interno di un grottino.
Presente qualche cordone e evidenti i primi spit.
Discesa
Proseguire sulla cresta puntando verso il Monte Ginnircu, fino a ricongiungersi al sentiero Selvaggio
Blu in una valletta con pietrone a lame, quindi seguire il sentiero verso l’Ovile
Relazione
L1: La via inizia subito intensa con un blocco in strapiombo (7a)
L2: dopo un lungo runout, si prosegue su un traverso delicato verso destra, (6c+)
L3: diedro spettacolare (6b+)
L4: dopo un tratto più facile si aggredisce la placca con un tiro molto tecnico su stupendo calcare a
gocce (6c+)
L5: ancora sulla placca verticale obliquando leggermente a sx fino ad un’uscita delicata (6c+)
L6: tiro facile che punta dritto alla base del diedro strapiombante (6a)
L7: tiro chiave della via, molto fisico e su roccia che nel diedro cambia e diventa molto più precaria per i piedi (6c+/7a)
L8: ancora per qualche metro nel diedro, da cui si esce verso dx (6b+)
L9: muro tecnico ma non estremamente difficile (6a+)
L10: si obliqua verso sx puntando l’evidente strapiombo a buconi, tiro da non sottovalutare (6b+)
L11: un ultimo sforzo sullo strapiombo a zanche, consigliato allungare i rinvii sotto il tetto. 6b+
L12: facile tiro di trasferimento, occhio alla lama non particolarmente solida, si consiglia di fare sosta sulla comoda cengia alla base dell’ultimo muretto. (5a)
L13: facile e divertente tiro che porta sulla vetta della punta (5b)




martedì 4 settembre 2018

VALLÉE - genovesi alla ribalta in ValGrisa


Domenica scorsa alla "Parete delle Gare" in Val Grisenche si è svolta la riedizione della gara di arrampicata, su roccia naturale, fatta 30 anni fa.

I giovani genovesi Carena Davide e Tommaso Pansini hanno piazzamenti di tutto rispetto, Davide terzo e Tommy (alla sua prima competizione su roccia) quinto.

Tra le femmine, il terzo posto se lo è aggiudicata la sempre giovane Claudia Giglio.



martedì 28 agosto 2018

Davide, un mese d’agosto coi fiocchi


Nel periodo tra ferragosto è l'ultimo fine settimana, il nostro Davidino è stato ancora qualche giorno a Céüse, poi si è avvicinato a casa facendo visita alla Valle Tanaro, nella falesia di Pianbernardo(la Céüse piemontese) per terminare poi con lo street-boulder di Ormera nell'ultimo fine settimana.
Di seguito il suo bottino:
Nella falesia di Céüse:
"slow food" 8b+, "slow food bis" 8b, "sueurs froides" 8a+, "dolce vita" 8a+, "face de rat" 8a+
In valle Tanaro:
"pastrubale" 8a+, "bernardo" 8a, "green card" 8a, "l' ora della violenza" 8a.

Come sempre, giù il cappello 🎩!!!

lunedì 13 agosto 2018

Anche i climbers nel loro piccolo s’incazzano

Quando Sera scrive un post lo leggo e rileggo, per cercare di entrare nella profonda logica del suo pensiero.
E raramente mi trovo in disaccordo con lui:
..."Poi sarei IO ad unire a forza politica e scalata, eh...?! Certe resine rischiano di cementar ben altro."
Elogio della follia n.2, altrimenti detto: 

mercoledì 1 agosto 2018

VALPENNAVAIRE - Gardella family

Li ho incontrati sabato scorso a Cisano dopo una giornata di scalata.

Una famiglia di perfetti Climbers, Eugenio e Roberta sulla breccia da anni, adesso anche i due figli, (come poteva essere diverso?) 

Mario, 12 anni, già da qualche anno partecipa alle gare di macro regione, nel fine settimana scorso ha salito il suo primo 7b "Magnesia", nella falesia della Ciusa.

Mentre la sorellina Elena, 11 anni" ha salito il suo primo 6b.
Altri due ragazzini terribili sulla piazza genovese...   ...ALÉ!





venerdì 27 luglio 2018

AILEFROIDE - Davidino sale il primo 8a su granito di Francia

Ieri sera ho ricevuto una e-mail da Davide Carena ed un paio di foto, ed ho subito capito che anche in terra di Francia ha dato il bianco
Davide su "Tenue de soirée" 8a+ (foto arh. Carena)
..."Ciao Alessio,
questo fine settimana sono stato a Briançon, nell'area di Vallouise ad Ailefroide sono riuscito a salire un tiro a cui tenevo particolarmente: “Tenue de Soirée 8a+, un tiro storico chiodato da Patrick Edlinger e liberato da Alain Ghersen. È stata la prima via di grado otto su granito della Francia. 
Nei giorni seguenti ho visitato due altre falesie: Le Rif d'Oriol, un canyon a pochi minuti dalla strada che collega Argentière la Bessée Briançon, ed ho salito "La tuerie d'Oriol" 8a.
Mentre alla bellissima ed esigente falesia di La Saume - Ceilla , ultimo gioiello per l'alta difficoltà d'oltralpe, ho chiuso "Petite danseuse" 8a a vista.
Ciao a presto"
La pagina di Vertical

venerdì 20 luglio 2018

VALPENNAVAIRE - dinuovo in forma l’inglesina finalera



Dopo un lungo periodo di astinenza causata da un dito rotto e poca voglia di riprendere, la motivazione è tornata e nel giro di qualche mese Melanie Roberts è tornata in gran forma.
Mercoledì abbiamo scalato insieme e ho potuto notare gli enormi progressi rispetto le ultime volte. 
Oggi, nella falesia del Cineplex, ha salito " in to the wild" 7c sul muro bianco all'ingresso della falesia.

          GRANDE MEL !!!

DAVIDE CARENA - Due normali W.E. di scalata

Anche i tacchini sono come le manguste8a

Eh già, per Davidino è ormai la normalità fare quelle tre o quattro vie di grado 8 per settimana.
Negli ultimi due fine settimana lunghi, uno passato a Ceuse e l’altto In Valgrisenche, il nostro ragazzino terribile smarca catene ha fatto il pieno:
Puissance absorbée8a
Céüse
Rodote Joli Pépèr8b nel settore Demi lune;
Bourinator8a Flash nel settore Un Pont Sur L’infini
Rodote Joli Pépèr8b
Valgrisenche
Brillo8a alla Péra di Caró - Revers
Anche i tacchini sono come le manguste8a, alla Péra di Caró - Revers
Puissance absorbée8a alla Péra di Caró - Revers
Revolution8a, a La Mecca.
Revolution8a

Giù il cappello per Davidino!!!

domenica 15 luglio 2018

SARDEGNA - Tommy chiude la vacanza in bellezza

A volte succede proprio così, all'ultimo giorno, quando sai che non hai un'altra possibilità e che quello che stai per fare sarà l'ultimo tentativo della stagione o della vacanza, raschi il fondo del barile e tiri fuori il coniglio dal cilindro.
È successo proprio così a Tommaso Pansini, all'ultimo giro dell'ultimo giorno in Sardegna nella falesia Villaggio Gallico ha chiuso i conti con "Cleopatra" 7c.
Chapeau piccolo grande Tommy!
Il vecchi Pans, il lupo d'argento di Santa Maria Navarrese ha invece macinato tanti 7a.