domenica 31 agosto 2014

VALPENNAVAIRE - Žert in prima visione al Cine

Non è una scherzo, anche se lo scherzo è la traduzione dal ceco di "Žert" 7b+/c ultimo film proiettato al Cineplex, la FA spetta al Biondino e la prima ripetizione al suo creatore Dinda.
Il Blondone ha invece salito "Ran" 7c, mentre Papik e Pepe (José) hanno salito "il mio nome è nessuno" 8a+.

sabato 30 agosto 2014

Tanto per rimanere aggiornati...

...ecco le ultime performance dei nostri aficionados-big:
Matteo (Photo arch. www.postodiblocco.com/)
Matteo Gambaro ieri a la Gorges du Loup al settore Deverse, ha salito il suo ottavo 8c+"Quenelle Trophy les maux de la fin", solo due giorni prima l'ha avuta vinta con "Qoussai les maux de la fin" 8c. Ma il mese di agosto è stato particolarmente proficuo per Matteo, sempre nella stessa falesia e stesso settore ha salito "Quenelle trophy" 8c, "Ultimate sacrifice" 8c+ e "New power sacrifice" 8c, un bel bottino!

Carlo (Photo FB profile)
Carlo Giuliberti ieri al Canyon di Cantarana ha salito "Ramo di pino" 8a, il giorno prima a Rocca delle Armasse ha fatto la FA di "Terrore" 8a+. Anche lui nel mese di agosto ha collezionatto parecchie performance, tra queste "Glory days" 8a alla falesia di Gressoney La Benedizione, "Carosses et citrouilles" 8a a Rue de masques e "Beauté de chine" 8a+ a Tournoux.

Lorenzo (photo www.enove.it)











Lorenzo Fornaro giovedì è venuto a capo di uno dei più insidiosi e pochissimo ripetuti 8a del finalese "Psycho" alla falesia della Mansarda. La settimana scorsa in trasferta a Céüse ha salito "Radote joli pépère" 8b portando così a 17 le vie di grado 8b/8b+.


Roberto (photo arch. www.robertobenvenuti.com)
Roberto Benvenuti nell'ultima trasferta, nella valle del Lys, ha salito "Glory days" 8a , questo il suo commento su 8a.nu ..."One of the most badass "8a" I've ever tried and /or sent. A Diamond line!"

venerdì 29 agosto 2014

Biagini sempre più performante...

Continua la saga del giovane Pie Biagini: ieri ha salito "El Nino" 8a 3Go ai Folchi e lunedì "Byro" 7c+ hard ad Andonno.
Nel fine settimana si trasferirà nella falesia più bella del mondo, aspettiamo buone nuove...
 GO PIE GO !!!

Tre giornate masticando Pepe spagnolo...

No! Non siamo andati in Spagna, sono i nostri amici Cami e José (Pepe) che come ogni anno sono venuti a Genova a far visita ai genitori di Cami e immancabilmente a scalare con noi (e mangiare pizza e focaccia).
Cami tra una performance e l'altra...
Lunedì, prima tappa all'ErboB, giornata umidia e piovigginosa (di merda).
Pepe su "Alisso"
Ma siamo contenti di poter nuovamente scalare insieme, io, Ci e Cami sui soliti tiri di riscaldamento, Papik e Pepe provano "Alisso" 7b+ (7c hard), Pepe ne viene a capo 2Go e Papik 3Go.
Pepe su "Stramonio" (tentativo)
L'umidone non lascia scampo e i giri su "Stramonio" 8a+ finiscono nel vuoto.

Mercoledì, ErboA dove Pepe aveva lasciato in sospeso "Chai" 8b, ancora tiri di routine per me (qualche acciacco mi costringe a stare calmo), pepe sale "Cascara" 7c AV, andando dritto sulla canna.
Ci fanno compagnia anche la Roberta e Marisa. le cuneesi semilocal, Marisa sale "Tormentilla" 6c, la Roby prova "Senna" 7b+ che gli sfugge per poco al secondo giro di giornata.
Roberta su "Senna" (tentativo)

Poi prova "Chai", un giro per mettere i rinvii, al secondo arriva bene al penultimo moschettonaggio ma deve ancora assestare qualcosa. Io faccio un giro su "Lavanda" 7c/+ come test (non male!).
Pepe su "Chai" 

Pepe al terzo giro cade ancora dal penultimo, un tallonaggio che scivola via, si quel moschettonaggio è da rivedere. Lascia la via montata per il giorno dopo.

Giovedì, saliamo Cineplex perchè il caldo comincia a farsi sentire (finalmente due giornate di sole), ma Pepe passa prima all'ErnoA dove stampa "Chai" 8b.
Pepe su "Chai"
Al Cine, non c'è la solita aria ma si sta comunque bene.
Per rilassarsi ella performance fatta all'Erbo il nostro ispanico sale "La Sconosciuta" 8a AV.
Papik fa due bei giri su "Il mio nome è nessuno" 8a+ ed al secondo cade proprio sull'ultima tacca, la prossima volta è rigore!
Papic su "Il mio nome è nessuno" (tentativo)
Io arrampico con le ragazze, intanto cerco di riparare i danni ed affilo i coltelli, ed aspetto che il mio antagonista ritorni dall'intenso allenamento di  Kalymnos.
L'anzianotto su "La vita futura" (tentativo)

lunedì 25 agosto 2014

ROC PENNAVAIRE - News

A tutti gli iscritti dell'Associazione:
 
Alla fine di un periodio di vacanza dei menbri dell'associazione, iL grande Cineplex ha raggiunto il capolinea: completamente saturato nella parte centro destra,  non rimane più uno spazio a disposizione, ma  solo ancora tre linee da liberare.
Ultimamente undici itinerari  hanno preso il via sparsi per i grandi strapiombi con difficoltà tra il 6c e l'8a+. L'8C Blow è stato riattrezzato e pulito dalle vecchie protezioni. Le corde fisse ancora  esistenti in parete sono state rimosse, perchè ormai troppo usurate e vetuste, alla base si è fatto il solito lavoro di pulizia, insomma si può dire che i lavori al Cineplex sono conclusi!!!!!!!!!!!. All'Erboristeria bassa sono state tolte le fisse sopra Ganoderma e Nepenta.  
 
Infine, anticipando un po i tempi si è andati alla ricerca del prossimo cantiere invernale..........
 
Ed ora le performances di questa estate pazza che ha  contribuito ad una costante presenza di climbers sulle pareti all'ombra, local, ma anche moltissimi stranieri:
 
Walter Vighetti prima libera su Canapa 8a+ (Erboristeria Bassa)
Berni Rivadossi on sight Il mio nome è nessuno 8a+ (Cineplex)
Asia Gollo (15 anni) tre giri per Forrest Gump 8a+ (Cineplex)
MATTEO Paloski (14 anni) Ganoderma 7c, Dulcamara 7c, Ginkobiloba 7c (Erboristeria Bassa) Lavanda 7c+ e Vulneraria 7c+ (Erboristeria alta)
Francesco  Zarpellon (15 anni) Vulneraria 7c+ (Erboristeria Alta)  America oggi 7c  (Cineplex)
A. Giovani Cren 8a (Erboristeria Bassa) Vulneraria 7c+ (Erboristeria Alta)
Mario Oliveri Limelight 7c+ Jack end Jill 7c+ e Ran 7c (Cineplex)
Dinda due prime libere su Philadelphia e Ran entrambe 7c (Cineplex)
P. Costa sale il suo primo 7b Cometa (Emisfero)
 
 A presto con altre news!!!!!!!!!!!!!!!!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

sabato 23 agosto 2014

VALLÈE - Bec Raty e Dondena

Questa cappa perenne di umidità ci ha veramente rotto i cabasisi.
Quindi mercoledì sera carichiamo la macchina con l'attrezzatura da multi pitch, pronti a partire la mattina dopo alla volta della valle di Champorcher.
Abbiamo voglia di rivedere i nostri amici, Cristina, Filippo. la piccola Camilla e la bellissima valle di Champo che, da quando l'abbiamo scoperta, parecchi anni fa grazie ai nostri amici, ci è entrata nel profondo del cuore.
Ci accoglie una mattinata piena di sole ma con un'aria frizzante e nettamente fresca per la stagione (...ma vista l'estate ormai quasi conclusa e forse mai cominciata!).
La nostra metà è la "Via delle poiane" al Bec Raty .
La cresta sud del Bec Raty si staglia contro il cielo
Questa cima dal profilo accattivante, che si nota immediatamente appena si arriva in prossimità di Champorcher paese.
Saliamo per la strada di Dondena fin sotto lo spigolo del Becco come da relazione della via.
Arriviamo alla base alle 10:30 come da tabella di marcia, prepariamo veloci lo zaino e andiamo alla ricerca del sentiero di avvicinamento, troviamo l'ometto semidistrutto vicino alla presa d'acqua, il sentiero sono tracce appena visibili sul ghiaione a sinistra, noi preferiamo salire lungo la pietraia appena a desta per fcili scalini composta dalle grosse pietre, quasi in cima deviamo a sinistra per una cresta si detriti e siamo all'attacco sotto un grande colatoio/diedro (ometto alla base e la scritta "SOSTA" poco leggibile).
La roccia è serpentino blu, assai poco affidabile, ma questo lo sapevamo già.

La Ci sulla compatta placca della variante Resi
 Gli spit sono rari e la roccia non offre molto per integrare, saliamo veloci i primi due tiri, il secondo divertente. Al terzo e quarto tiro la roccia mista a terra, molte le pietre instabili, non facile individuare l'itinerario. Mi lascio tentare da un luccichio dritto sopra la sosta, quando ci arrivo trovo solo la parte filettata dello spit senza la piastrina, ci strozzo attorno un cordino ma la roccia sopra la protezione viene via a grossi pezzi, quindi retromarcia e provo a sinistra su balze e pietre instabili, quando finisce la corda (60 m.) non ho ancora messo protezioni e non trovo una sosta ne un punto buono dove farne una (...che bello!), allora pulisco un terrazzino spostando i detriti, mi piazzo bene e assicuro Cinzia a spalla (...evviva Tita Piaz!!!).
Laghetto sulla via del ritorno
Quando mi raggiunge sgrana gli occhi, ma si rende conto che non potevamo fare altro, passa in testa lei per i restanti 20 m. sempre su sfasciumi fino a raggiungere la sosta numero 5.
(mi accorgo poi che la via passava 6/7 m. a destra del famoso filetto senza spit, quindi per chi vuole ripetere la via serva da lezione la mia cazzata!).
Con il tiro successivo raggiungiamo una coppia di CAIni  ultrasessantenni, che si stanno divertendo un mondo e se la prendono con la dovuta calma, tra imprecazioni e risate.
Sopra di noi la compatta placca della variante Resi che i due evitano accuratamente, guardo la Ci che mi ha raggiunto e dico ..."noi tiriamo dritti così non dobbiamo aspettare".
Il serpentino qui è molto compatto e di colore giallo/arancio con una buona aderenza, spit mooolto distanziati impossibile integrare, ma arrampicata su placca spettacolare (5c/6a) 35 m., arrivo alla sosta fatta con un solo spit e maillon, integro con 2 nut e faccio salire la Ci.
di ritorno
Sosta per merenda sul cengione, intanto  lasciamo che i due Bacan (...chissà perché io mi vedo sempre giovane!?) giochino con gli ultimi 3 tiri, ed evitiamo così di prenderci qualche eventuale pietra in testa.
Anche gli ultimi tre tiri sono molto discontinui, con l'ultimo che va volutamente a cercare 5 m. difficili, i Bacan furbissimi l'hanno evitato sulla destra, ma noi fedeli alla linea ci giochiamo anche quello.
Arrivati in cima la Ci riceve i complimenti dai due piemontesi ..."brava signora! Qui è montagna né mica come nelle palestre!"
Foto di vetta
Ma quanto si sono divertiti quei due!
Anche se la via non ha niente di particolarmente bello, come invece la vicina "Verde Smeraldo" fatta 3 anni fa, impariamo dai saggi  Bacan che l'importante è divertirsi ed aver passato la giornata facendo quello che ci piace in mezzo ad un ambiente bellissimo.
La parete salita oggi
La sera grande grigliata e buoni bicchieri di vino a casa degli amici Fil, Cri e Cami.
Ieri mattina, saliamo alla piccola falesia di Dondena,
Filippo Laurora insegna
 dove Filippo, diventato da poco Guida Alpina, fa scuola a dei ragazzini che vogliono cominciare ad arrampicare, ma il suo programma molto vasto ed interessante lo trovate su https://www.facebook.com/guidaalpinafilippolaurora.

Filippo at work
In questa piccola ed assolata falesia a 2000 m. possono trovare pane per i loro denti anche tanti No Big.
Cristina

Camilla figlia di climbers, dorme anche su una corda.

Due bellissime giornate in un ambiente meraviglioso e un'ottima compagnia !!!







  

mercoledì 20 agosto 2014

FRANCIA - week end a La Brigue

La Brigue vista dalla falesia
Avevamo voglia di uscire un po' dall'umidone della riviera, così ne abbiamo approfittato per andare a vedere la falesia della Grotta di La Brigue (Briga), dove io e la Ci non eravamo mai stati.
Partenza sabato mattina, la location è appena oltre il confine in Val Roya, ed in meno di due ore siamo a destinazione.
Facciamo un rapido giro per i vicoli del borgo medioevale e dintorni, cercando una fontanella per rifornirci d'acqua, un ristorante dove cenare ed un posto dove sistemarci per la notte.


Il tempo è bello fresco, anche se il meteo dice che nel pomeriggio ci potrebbero essere dei temporali, al momento brilla il sole, speriamo che si mantenga così, perché io e Ci dormiremo in tenda, Papik opta per la macchina.
Il Grottone (al centro)

A mezzogiorno siamo in falesia, in pieno sole. Il pilier all'estrema destra offre un paio di tiri facili con ancora un pochino d'ombra. Cominciamo con "La stragale" 6b (solo Papik, che la sconsiglia alla Ci) e "Sans vergogne" 6a+.
Io su "Pilier Lulù" 6b+

Nel frattempo l'ombra fa capolino anche sul lato sinistro della grotta, e allora eccomi alle prese con "Oltre confine" 6c un bel muro leggermente strapiombante, esigente sul giallo iniziale e poi verticale e grigio fino in cima.
Di fianco c'è "The help" 7a+ chiodata dall'amico Flaviano che sembra molto bella, ed effettivamente così è, ma...   ...mi ci vogliono 3 giri per venirne a capo. Una partenza strapiombante con un bel blocco prima di ristabilirsi sul muro finale.
Papik la fa AV.
Ci su "Oltre Confine" 6c

Intanto sono arrivati 5 Bessone's boys, tra questi Ale (il Giovane) che prende subito d'assalto "Pidiemme" 7a+/b che sale al terzo giro di giornata, seguito da Papik al primo giro di giornata (l'aveva già provata l'anno prima). Una via con un blocco malefico, very hard a detta del Giovane e Papik.
Ale Il Giovane su "Pidiemme" 7a/b

Bigi su "L'alcolo" 7b (tentativo)

Papik sale "Il saggiatore" 7c AV e poi chiudiamo la giornata salendo tutti e tre (la Ci top rope) il "Pilier Lulù" 6b+ 35 metri di scalata fantastica su roccia da sogno.
Unico neo della giornata un vento freddo e fastidioso.

Riusciamo a piazzare la tenda che è ancora chiaro, nel campeggio appena fuori del villaggio , gestito da un italiano, posto bello bagni puliti e piazzole con immenso spazio attorno (link campeggio).
E poi finalmente a cena nel ristorante vicino al fiume, dove abbiamo prenotato in mattinata. Si mangia bene ed il proprietario è simpatico ed originale, con una parlata che ricorda molto l' ispettore Clouseau (link ristorante/pensione).

Il mattino del 17 ci svegliamo con 7°C, il  sole però è caldo, troviamo un angolo tranquillo dove divorare i croissant che Papik ha acquistato in paese (lui si sveglia presto!).
Quando siamo pronti per partire alla volta della falesia la batteria della macchina fa le bizze, fortunatamente un nostro vicino di tenda ci viene in soccorso e tutto si sistema.
Torniamo su alla grotta, io mi sento un pò demotivato e stanco (...lo so, non ho più l'età per dormire in tenda come i giovani !), quindi non mi dilungherò sulle mie paturnie, ma elencherò solo le imbiancate date da Papik che come sempre si è rivelato un terminator.
Papik su "Il Saggiatore" 7c

Dopo essersi scaldato sul 6c ed il 7a+ del giorno prima ha salito: "L'alcolo" 7b AV, "La question" 7c AV e "L'opposition machiavelique" 7b AV.
  ...alle mie spalle La Grotta 

Ancora vento e freddo, abbiamo capito che quando la falesia va in ombra si alza il vento, condizioni ottime aderenza spaziale, ma...   ...tutti e tre con un bel raffreddore.
(link alle vie di La Brigue)

DUE BELLE GIORNATE !!!